Home / / Presidente della Repubblica tra visioni e speranze

Presidente della Repubblica tra visioni e speranze

del 28/01/2015

Non so se in quei momenti Matteo Renzi si sia sentito anche lui una specie di Cancelliere, ma deve aver goduto sicuramente quando la Cancelliera ha espresso tutta la sua fiducia nelle riforme dell’Italia. E chi può escludere che in qualche retropensiero Matteo abbia pensato che anche in Italia ci sarebbe solo da guadagnare se ci fosse una specie di Cancellierato e un Presidente della Repubblica alla tedesca.

 

Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi

 

Basterà comunque ancora qualche giorno di pazienza e l’arcano sarà chiarito. Non basteranno sicuramente giorni e mesi a portare l’Italia ai livelli della Germania in fatto di occupazione (specialmente quella giovanile), innovazione, competitività, moralità pubblica. E non dipenderà certamente dal Presidente della Repubblica!

Un buon presidente… come un direttore d’orchestra In Italia, l’attuale dibattuto sul Presidente della Repubblica non è limitato alla ricerca del prossimo inquilino del Quirinale, ma sta innescando una riflessione politica sul tipo di Stato che maggiormente converrebbe al Paese. Evidentemente per essere eletto Presidente non basta essere un cittadino di oltre cinquant’anni in possesso dei diritti civili e politici (così prescrive la Costituzione all’articolo 84). Le sue funzioni sono infatti molto impegnative e richiedono in chi sarà chiamato o chiamata ad esercitarle qualità umane e competenze di altissimo livello. Sarebbe perciò comprensibile e giustificata un’attenta valutazione da parte dei grandi elettori (deputati, senatori e rappresentanti regionali) per individuare la persona giusta al posto giusto ed eleggerla a maggioranza qualificata dei due terzi in uno dei primi tre scrutini.

Criteri di scelta: perché non l’elezione diretta? Stando a quanto si legge e si sente nei media, sembrerebbe invece che la preoccupazione maggiore dei politici non sia tanto concentrata sulle qualità delle personalità che potrebbero entrare in linea di conto, quanto sulla loro appartenenza partitica o quantomeno sul loro orientamento politico e sul possibile ruolo che potrebbero assumere nella gestione dello Stato nell’attuale regime incentrato sulla partitocrazia. C’è dunque da aspettarsi che la scelta avvenga non in base a criteri obiettivi di qualità, capacità, competenza, rappresentatività del Capo dello Stato, ma in base agli equilibri politici attuali e futuri (sperati) del Parlamento, ossia dei maggiori partiti. E siccome le forze politiche sono sempre schierate su fronti opposti, maggioranza e opposizione, nella scelta del nuovo Presidente sarà determinante il consenso della maggioranza (anzi del partito di maggioranza). Le opposizioni e le stesse forze minori della maggioranza, anche se nel Paese rappresentano insieme la maggioranza dei cittadini, finiranno per essere ininfluenti, a meno che non aggiungano voti a quelli del partito di maggioranza, magari in vista di qualche tornaconto.

Per evitare questi giochi di palazzo e, soprattutto, che il nuovo Capo dello Stato diventi una sorta di emanazione di una parte minoritaria del Paese, dal mio punto di vista sarebbe enormemente preferibile che l’elezione del Presidente della Repubblica avvenisse a suffragio universale. Si sarebbe così sicuri che essendo espressione della maggioranza degli italiani rappresenterebbe democraticamente «l’unità nazionale» (art. 87, primo comma della Costituzione) e potrebbe esercitare con maggiore autorevolezza dei suoi predecessori tutte le sue funzioni, quelle codificate e quelle di fatto esercitate finora dagli ultimi presidenti.

Perché allora non si interpellano direttamente i cittadini nella scelta del Capo dello Stato, visto anche che in tutti i sondaggi la maggioranza dei partecipanti preferirebbe la sua elezione diretta? E ancora, perché nell’ampio programma di riforme costituzionali dell’attuale governo non si accenna nemmeno alla riforma del Titolo II della Seconda parte riguardante il Presidente della Repubblica? Nessuno è forse in grado di dare una risposta soddisfacente, ma le ipotesi non sono tante. O non si ritiene tale riforma prioritaria o non la si ritiene opportuna e utile, almeno per ora.

Che tipo di Presidente intende Renzi? Secondo me la riforma della Presidenza della Repubblica è solo rinviata perché si vuole dapprima portare in porto la riforma del Senato e del Titolo V sempre della Seconda parte (Regioni, Province, Comuni) e la legge elettorale, ma soprattutto perché s’intende nel frattempo rafforzare il ruolo del Presidente del Consiglio, come sta già avvenendo. Che questa sia una delle principali ambizioni di Matteo Renzi mi sembra evidenziato anche dall’alleanza di ferro (almeno finché non si rompe) per le riforme con Silvio Berlusconi, che è stato da sempre sostenitore di una semplificazione della struttura dello Stato, della priorità della governabilità sulla rappresentanza, del rafforzamento del ruolo del Presidente del Consiglio a scapito di quello del Presidente della Repubblica e altre riforme.

Coerentemente con questa impostazione sembra perciò preferibile a Matteo Renzi e ai suoi sostenitori non solo non alimentare l’idea di un presidenzialismo utile all’Italia, ma anche eleggere ora un Presidente della Repubblica di basso profilo, che non segua insomma le orme di Giorgio Napolitano (soprannominato spesso Re Giorgio per l’uso talvolta al limite della costituzionalità dei suoi poteri), ma rientri per così dire nei ranghi e al massimo faccia da garante della Costituzione, ma non da arbitro della vita politica. Questa dovrà essere determinata, se andrà in porto la legge elettorale in discussione, dalle espressioni del partito che vincerà le elezioni. E’ dunque preferibile, nella prospettiva suesposta, che al nuovo Presidente della Repubblica non sia lasciato troppo spazio nel processo delle riforme, nell’attività del governo, nella politica estera, ecc. In questa prospettiva si vorrebbe, insomma, una figura di garanzia, ma depotenziata rispetto agli ultimi inquilini del Quirinale. Il grande manovratore dovrebbe continuare ad essere l’attuale Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che pur avendo ricevuto da Napolitano ampio sostegno alle sue idee di riforma dello Stato ne ha dovuto subire anche il controllo. Tanto vale non rischiare col prossimo Presidente.

Verso un Cancellierato e una Presidenza della Repubblica alla tedesca? Nell’ambito di queste speculazioni (perché certezze ovviamente non ce ne sono) si è visto la settimana scorsa un Renzi particolarmente a suo agio, nella sua Firenze, a fianco della cancelliera tedesca Angela Merkel in occasione dell’incontro bilaterale Italia-Germania. Era come se Renzi volesse mostrare all’illustre ospite non solo che l’Italia, Firenze in particolare, è bella e «sta facendo le riforme», ma anche che nel processo d’integrazione europea vuol contare di più, a fianco della Germania. La Merkel ha mostrato di gradire, anche perché ha trovato in Renzi non solo un interlocutore che ha smesso finalmente di parlar male del suo Paese, ma anche un convinto sostenitore dell’alleanza rinsaldata tra l’Italia e la Germania. TGCOM24 del 23 gennaio sintetizzava l’incontro con questo titolo: «Renzi, Merkel e l'inevitabile love story tra Italia e Germania».

 

La Cancelliera tedesca, Angela Merkel

 

Renzi è riuscito a far incantare la sua omologa Merkel facendole visitare le bellezze straordinarie del capoluogo toscano e tenendo la conferenza stampa finale nientemeno che sotto lo sguardo, si fa per dire, dell’imponente David di Michelangelo nella Galleria dell’Accademia, ma soprattutto, forse, elencando la lunga serie di riforme già attuate o in via di attuazione, quelle ancora in discussione o appena abbozzate e persino quelle solo immaginate o sognate. Angela dev’essere stata colpita dalle visioni e dall’oratoria di Renzi, soprattutto quando ha detto che in Europa «insieme vogliamo difendere valori e ideali… Su questo mi impegno insieme ad Angela Merkel».Tanto varrebbe eleggere semplicemente un buon Presidente, che sappia svolgere i suoi compiti con spirito di servizio nell’interesse di tutti, ma soprattutto della democrazia e di quelli che hanno meno rappresentanza nei palazzi della politica. La Costituzione italiana non prevede un «primus inter pares», ma un «Primus super partes», anche se non vi figura questa espressione, perché come «Capo dello Stato» «rappresenta l’unità nazionale». Non ha propriamente «poteri», ma «funzioni». Queste dovrebbe svolgerle sempre nell’interesse generale. Tutti i suoi interventi non dovrebbero mai perder di vista questo obiettivo. Non solo, dovrebbe anche vigilare affinché tutte le istituzioni dello Stato operino con lo stesso spirito di servizio e nell’interesse comune.

Ho trovato molto pertinente l’immagine utilizzata dalla neopresidente della Confederazione per il 2015 Simonetta Sommaruga per caratterizzare il suo anno presidenziale (v. L’ECO del 21.1.2015), ma penso che possa esprimere bene anche le funzioni del Presidente della Repubblica Italiana. Intanto la neopresidente Sommaruga, nel suo discorso d’insediamento, ha posto al centro delle sue attenzioni la democrazia diretta, non come omaggio formale al «sovrano», come qui si usa spesso chiamare il Popolo, ma come doveroso rispetto della volontà popolare, che si esprime sia attraverso le istituzioni e sia direttamente attraverso votazioni ed elezioni. Rivolgendosi poi a tutti indistintamente, istituzioni e Popolo sovrano, ha visto il suo ruolo presidenziale come una specie di direttore d’orchestra che ha come unico obiettivo quello di far sì che i singoli componenti dell’orchestra si esprimano in armonia e contribuiscano a creare l’armonia, il benessere generale. Vedrei bene anch’io il prossimo Presidente della Repubblica come un grande direttore d’orchestra, autorevole ma non autoritario, ascoltato e rispettato, capace di interagire, senza nulla imporre, col governo, col Parlamento, ma anche col coro dei cittadini, sottostimato e trascurato. Anzi, tutto dovrebbe partire dal popolo, dall’ascolto delle sue richieste e dei suoi bisogni, per cercate soluzioni condivise, guardando non solo all’oggi ma anche al domani, in Italia, in Europa e nel Mondo. Se il prossimo Presidente saprà creare armonia nelle istituzioni stimolandole a far meglio i loro compiti per il benessere generale… sarà un grande Presidente.

 

  • Chi siamo

    "L'ECO" è un settimanale d'informazione fondato nel 1966. Dalla sua nascita è un importante punto di riferimento per la comunità italiana in Svizzera.
    [leggi tutto]

  • Foto