Home / / La pensione INPS di vecchiaia a chi spetta?

La pensione INPS di vecchiaia a chi spetta?

del 14/01/2015

Mimmo S. di Flawil (SG) è un emigrato italiano che, prima di trasferirsi in Svizzera, aveva lavorato per circa due anni in Italia: in parte in agricoltura ed in parte presso una piccola officina meccanica. Mimmo si sta avvicinando al momento della pensione di vecchiaia svizzera e vorrebbe sapere quali siano i requisiti per la pensione di vecchiaia italiana, ovvero se potrebbe vantare un qualche diritto nei confronti dell’INPS. Mimmo ci informa pure che, purtroppo, non è in possesso di alcun documento relativo al suo lavoro in Italia. Innanzitutto, qui di seguito, riportiamo quali – in generale - siano i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia italiana poiché questa informazione può interessare, oltre a Mimmo, anche altri lettori de L’ECO.

Soggetti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995

Requisito contributivo – A decorrere dal 1° gennaio 2012, i soggetti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 possono conseguire il diritto alla pensione di vecchiaia esclusivamente in presenza di un’anzianità contributiva minima pari a 20 anni, costituita da contributi versati o accreditati a qualsiasi titolo.
Requisito anagrafico – Per l’accesso alla pensione di vecchiaia è richiesto il possesso dei seguenti requisiti anagrafici:

 a) Dipendenti settore privato:

dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012

62 anni

dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013

62 anni e 3 mesi*

dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

63 anni e 9 mesi*

dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017

65 anni e 3 mesi**

dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020

66 anni e 3 mesi**

*Requisito adeguato alla speranza di vita
**Requisito da adeguare alla speranza di vita

b) Lavoro autonomo:

dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012

63 anni e 6 mesi

dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013

63 anni e 9 mesi*

dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

64 anni e 9 mesi*

dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017

65 anni e 9 mesi**

dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020

66 anni e 3 mesi**

*Requisito adeguato alla speranza di vita
**Requisito da adeguare alla speranza di vita

c) lavoratori dipendenti e lavoratrici dipendenti settore pubblico:

dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012

66 anni

dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2015

66 anni e 3 mesi*

dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2020

66 anni e 3 mesi**

Ovviamente Mimmo - come altri emigrati italiani che, oltre ad aver lavorato in Svizzera, abbiano anche una posizione assicurativa in Italia non inferiore a 52 settimane (a questo fine vale pure il Servizio militare) sulla base dei Regolamenti comunitari di sicurezza sociale - può totalizzare i periodi di assicurazione maturati in Italia e Svizzera ai fini di adempiere i requisiti assicurativi previsti dalla normativa italiana per il diritto alla pensione di vecchiaia INPS. La totalizzazione dei periodi assicurativi italiani e svizzeri, naturalmente, non incide minimamente sul diritto e neppure sul calcolo della rendita svizzera. Nel caso specifico consigliamo, quindi, a Mimmo di rivolgersi quanto prima all’ ITAL UIL di Wil (Hörnlistrasse 19 – tel. 071 2209622) per farsi ricostruire la posizione assicurativa italiana per verificare se ha i requisiti per la successiva presentazione della domanda di pensione di vecchiaia all’INPS quando sarà il momento.

 

Vedi anche

  • Chi siamo

    "L'ECO" è un settimanale d'informazione fondato nel 1966. Dalla sua nascita è un importante punto di riferimento per la comunità italiana in Svizzera.
    [leggi tutto]

  • Foto